2011 - Disegnare eroi - Associazione Culturale Galleria Puccini

Vai ai contenuti

2011 - Disegnare eroi

Mostre > Storico mostre

DISEGNARE EROI - GIANCARLO ALLESSANDRINI

"Disegnare eroi evoca il mestiere di Giancarlo Alessandrini: immaginare e delineare i personaggi di un mondo epico dove i temi della ricerca della verità nascosta ai più, dell'altrove e dell'origine si fondono con l'esigenza di affermare qualità come coraggio, lealtà , onestà degli intenti e soprattutto libertà contro tutto ciò che offende la dignità dell'individuo.

L'eroe incarna tutto questo per ciascuno di noi.
Nel racconto a fumetti l' incalzare di eventi improbabili al limite dell'impossibile si fonde alla quotidianità, un film di carta che realizza incontri e legami inaspettati tra gli orizzonti diversi di chi scrive, chi disegna e , infine, di chi legge.
Nella realtà virtuale caricata dal tratto sulla carta tutto può succedere, fino a scoprire che i migliori non sono necessariamente super-eroi , ma solo uomini generosi.

Giancarlo Alessandrini è disegnatore da sempre, sognatore per vocazione, animato dalla molla che forgia artisti, scienziati, viaggiatori e mistici: la curiosità:
"La voglia di fare cose nuove è sempre tanta, anche perché mi diverto ancora molto a disegnare cose diverse dalla solita routine."
Così si svela in un' intervista rilasciata tempo fa, dopo aver celebrato i suoi primi 25 anni a disegnare la storia del fumetto in Italia .

Il suo segno incisivo, mobile, a volte nervoso ma sempre flessibile, attraverso i suoi "alter ego" , disegnati come Martin Mystere, o amati come Dylan Dog, ha accompagnato una generazione di lettori a fumetti con eleganza, originalità.

L'eloquenza delle storie si trasforma in fantastico all'improvviso, con discrezione.
I personaggi sorprendono il lettore per la carica emotiva, l'umana fragilità, delineati con delicata ironia.
Svelano all'unisono il rigore e la determinazione di un cavaliere senza macchia, in cerca di avventure fantastiche che..possono sempre accadere.

(Maria Cristina Gherlantini)

RACCONTO FOTOGRAFICO DELLA MOSTRA
Torna ai contenuti